top left image
top right image
bottom left image
bottom right image

Il paradiso della mucca

Oggi ho corso in quello che potrebbe essere considerato il paradiso della mucca. Praterie erbose a perdita d'occhio, con più erba di quella che si potrebbe mai ruminare in una vita.

Ora, lo so, la mucca non è animale noto per essere facile a stressarsi, né peraltro incline a facili manifestazioni di giubilo.
In effetti erano là, sul versante soleggiato, a godersi il pasto con aria tranquilla.
Se fossi stato una muccca immagino che sarei stato felice, ma anche come umano non mi andava male.
Sterrato o sentieri tecnici tra colline ventose dove, di tanto in tanto, faceva capolino la baia di San Francisco. Nessun umano meccanizzato in visto o a tiro d'orecchio. Ritmo tranquillo. E niente orologio per cui, senza saperlo, ho corso due ore, in una giornata in cui ero uscito di casa proprio svogliato.

Sembra comunque che la mucca sia in genere un animale felice, perché il suo unico desiderio è essere una mucca, e ci riesce benissimo.
|