top left image
top right image
bottom left image
bottom right image

Scarpette bianche

Lo scorso fine settimana, a Treviso, ho visto molti maratoneti, quasi tutti con le scarpe pulite.

E' un'immagine che mi ha colpito, forse perché da molto tempo sorrido alle prove delle scarpe con l'indicazione del peso in grammi, e mentalmente raddoppio quest'ultimo per stimare quello delle mie, comprese di fango incrostato. Per il colore è lo stesso, dopo un paio di uscite è intuibile, ma non determinabile con certezza.

Ma non è dell'aspetto che volevo parlare, quanto del significato di quelle scarpette cariche di chilometri eppure intonse. Significano asfalto o pista, medi, ripetute, prove alla soglia e sopra, un programma, un obiettivo, sacrifici, tenacia.

Tutte cose che mi mancano in questo periodo e che probabilmente farei bene a pensare di reintrodurre.

Equilibrio è sempre stata la nostra parola d'ordine.

E la ricerca dei propri limiti, ogni tanto, fa parte di un percorso indispensabile per apprezzare il viaggio "normale" di ogni giorno.
|